Category Archives: rivolte

Perché il Rif marocchino si è rivoltato?

di Reda Zaireg

Il 28 ottobre 2016, nella località di al-Hoceima, Mohcine Fikri moriva pressato da una trituratrice di spazzatura mentre tentava di recuperare la merce che gli era stata confiscata dalle autorità. L’uomo, di 31 anni, era un commerciante di pesce. Era stato accusato di essere in possesso di quasi 500kg di pesce spada in questo periodo. È morto mentre cercava di opporsi alla distruzione del suo carico in un camion della spazzatura.

Una forte identità regionale.

La morte di Mohcine è diventato il punto di partenza della contestazione nel Rif, una regione del Nord del Marocco la cui storia è segnata dalla repressione e la marginalizzazione di cui ha sofferto durante il regno di Hassan II, padre di Muhammad VI. Il Rif gode di una forte identità regionale e ha storicamente avuto un certo grado di indipendenza rispetto al potere centrale. Nel 1921, quando ancora il Marocco era colonizzato dalla Francia e dalla Spagna, il resistente AbdelKrim El-Khattabi vi stabilì una Repubblica effimera dopo aver sconfitto l’esercito spagnolo. Nonostante la “Repubblica del Rif” sia stata sciolta solo cinque anni più tardi, nel 1926, ha segnato profondamente la memoria collettiva locale. Nel 1959 e nel 1984, delle rivolte sono scoppiate nel Rif e sono state brutalmente represse dal re Hassan II. Le circostanze della morte di Mohcine Fikri hanno suscitato un impeto di indignazione nella regione e al di fuori di essa. La sera del 28 ottobre le foto e i video che mostravano le sue spoglie hanno cominciato a circolare sui social ntework. Vari sit-in sono stati organizzati in differenti città del Marocco nei giorni seguenti.

Molteplici rivendicazioni

Le Hirak (“movimento”) è un movimento sociale nato a al-Hoceima in seguito al decesso di Mohcine Fikri. Le sue rivendicazioni sono molteplici: creazione di fabbriche, estensione della linea ferroviaria fino a al-Hoceima, costruzione di una università pluridisciplinare. Altre rivendicazioni sono la creazione di posti di lavoro e la riduzione della disoccupazione nella regione; la lotta contro la corruzione, in particolare della pesca marittima, e l’istituzione di una protezione sociale a favore delle/dei lavoratori.ci del settore. Il movimento reclama ugualmente la costruzione di una università pluridisciplinare, di un ospedale universitario e l’istallazione di un centro di oncologia a al-Hoceima. In effetti, il Rif conosce un alto tasso di tumori, e il Hirak rivendica un riconoscimento ufficiale del legame con l’utilizzo di iprite avvenuto durante la guerra del Rif (1921 – 1926) da parte della Spagna, nonché il tasso elevato di mortalità a causa del cancro nella regione.

Dopo la passività, la repressione

Una prima fase di scontro è stata caratterizzata da una sconvolgente passività del palazzo e da tentativi di negoziazione poco efficaci da parte dei rappresentanti dello Stato a livello locale. Poi, nel maggio 2017, il potere marocchino ha scelto di reprimere il movimento, dopo sette mesi di contestazione. Venerdì 26 maggio, Nasser Zefzafi, leader carismatico del Hirak ha interrotto un sermone che paragonava il movimento sociale a una fitna, ossia a una lotta fratricida, ossia una guerra civile in seno all’Islam. Il potere marocchino vi ha trovato il pretesto per reprimere il movimento sociale. Numerosi attivisti sono stati arrestati – una quarantina, entro il 26 e il 28 maggio; più di 200 fino a ora – e le manifestazioni sono state sistematicamente disperse. Nasser Zefzafi è stato arrestato il 29 maggio, dopo 3 mesi di latitanza. Attualmente è sotto processo a Casablanca e rischia una pena pesantissima (il 27 giugno 2018 è stato condannato a 20 anni. Con lui altri 51 attivisti hanno preso pene per 333 anni di carcere N.d.T.) Parallelamente all’ondata di arresti che ha toccato gli attivisti del Hirak, il re del Marocco ha promosso un’inchiesta sui ritardi della realizzazione del programma “al-Hoceima, faro del Mediterraneo” (Al-Hoceima Manarat al-Moutawassit); ha ricevuto i risultati a ottobre. Lanciato nel 2015, questo programma mobilizza un budget di circa 700 milioni di dollari, e mira ad accompagnare lo sviluppo della provincia d’al-Hoceima e a migliorarne la posizione economica, ma la sua realizzazione ha conosciuto dei ritardi notevoli. Se l’inchiesta effettuata dal Ministro degli interni e delle finanze ha messo l’accento sui “ritardi, ossia sulla non esecuzione di molteplici parti di questo programma di sviluppo”, ha escluso “qualsiasi atto di concussione e di frode”. Ciononostante il re ha ordinato alla Corte dei conti, giurisdizione finanziaria del regno, di realizzare una seconda inchiesta. In ottobre, il re ha ricevuto le conclusioni della seconda inchiesta sul progetto di al-Hoceima Manarat al-Moutawassit, che ha confermato “l’esistenza di molteplici disfunzioni registrate durante il precedente governo”, differenti settori ministeriali e istituzioni pubbliche che non hanno “onorato i loro impegni nella messa in opera dei progetti e le spiegazioni che hanno fornito non giustificano il ritardo che ha conosciuto la realizzazione di questo programma di sviluppo”. Ma d’altro canto l’inchiesta effettuata dalla Corte dei conti non ha rilevato l’esistenza di frodi, né deviazione dei fondi. Lo stesso giorno, Muhammad VI ha licenziato quattro ministri come conseguenza del ritardo nella realizzazione del progetto al-Hoceima Manarat al-Moutawassit. Il re del Marocco ha espresso ugualmente non “non soddisfazione” rispetto al lavoro dei cinque precedenti ministri, ai quali “nessuna funzione ufficiale sarà affidata in futuro”, secondo un comunicato del gabinetto reale.

Un movimento che dura

Il Hirak è attualmente in fase di latenza a causa dell’arresto dei suoi leader. Tuttavia, il movimento ha preso una forma stabile riemergendo in maniera più o meno ricorrente per più di dieci mesi. Con l’aumento della repressione e la divisione in zone della città da parte della polizia, i/le manifestanti hanno riadattato le loro pratiche e le loro strategie d’occupazione dello spazio pubblico: ai sit-in e manifestazioni programmate giorni prima sono state sostituite delle azioni fulminee. Delle forme di protesta spontanee cominciano appena un gruppo di manifestanti sceglie un luogo – una strada molto frequentata, un giardino o una piazza pubblica – e scandisce degli slogan del Hirak. Allora sono subito raggiunte dalle/dagli attivistx e i/le simpatizzanti presenti sul luogo. Quando poi le forze dell’ordine intervengono, la manifestazione è dispersa, ma “un altro gruppo di manifestanti prende la staffetta e rilancia la mobilitazione in un altro posto della città”, scrivono i ricercatori Hamza Essmili e Montasser Sakhi in una serie di osservazioni sul Hirak. http://taharour.org/?observations-autour-du-hirak-n-rif-%E2%B5%83%E2%B5%89%E2%B5%94%E2%B4%B0%E2%B4%BD-%E2%B5%8F-%E2%B5%94%E2%B5%94%E2%B5%89%E2%B4%BC-6

Las moras delle fragole contro il razzismo e il sessismo

Di Fatiha El Mouali e Salma Amzian

In questi giorni, il livello di vittimizzazione e paternalismo che abbiamo potuto osservare, ascoltare e leggere sulle proteste e le denunce delle donne marocchine, lavoratrici stagionali delle fragole nella provincia di Huelva, ha raggiunto livelli insopportabili. La Spagna sembra essere sorpresa da situazioni che vanno avanti da anni e che denunciamo da un decennio. Nadia Messaoudi aveva già denunciato, nel 2008, la situazione delle donne marocchine nei campi di Huelva pubblicando su un sito internet francese un articolo intitolato: “12000 donne marocchine per le fragole spagnole”. Anche Jaouad Midech faceva la stessa denuncia nello stesso anno. In seguito a una vasta indagine nei campi spagnoli, francesi e italiani, Chadia Arab pubblicava “Le marocchine a Huelva con il ‘contratto in origine’. Partire per tornare meglio”, un lavoro che attraverso delle interviste con delle lavoratrici stagionali e attraverso un ampio lavoro sul campo riportava in luce la stessa situazione nel 2009. Il lavoro è diventato un libro lo scorso febbraio con il titolo “Signore delle Fragole, dita fatate, le invisibili della migrazione stagionale marocchina in Spagna”. In Marocco, la rivista Bladi.net parlava di questa realtà nel 2010. Nel 2016, Fatiha el Mouali, coautrice di questo articolo, faceva la stessa denuncia in una giornata su femminismo e violenza a Barcellona. Prima di tutto, bisogna mettere in chiaro quello che alla maggior parte delle persone sembra non essere molto importate. Chi sono queste donne? Si tratta di donne lavoratrici migranti in situazione di sfruttamento e sotto molteplici violenze nei campi andalusi; donne marocchine provenienti da una ex colonia spagnola. Tutte loro provengono da zone impoverite del Marocco, terre abbandonate dai governi locali e saccheggiate dai poteri coloniali. Molti marocchini, soprattutto uomini giovani, venivano a lavorare nei campi andalusi prima della chiusura delle frontiere. Venivano a fare il lavoro stagionale e se ne andavano, senza nessuna intenzione o necessità di fermarsi in Spagna. Tutto è cambiato quando il Fondo Monetario Internazionale ha obbligato il Marocco, nel 1984, ad applicare un piano di austerità che forzava il Governo ad abbassare gli investimenti in educazione, sanità, infrastrutture e servizi sociali. Questo piano toccò in maniera molto acuta il nord del Marocco. Non è una casualità che, un anno dopo, lo Stato spagnolo chiuderà le frontiere con l’approvazione della Legge sull’Immigrazione. Tutto faceva parte dello stesso piano: impoverire il Marocco creando nel suo territorio la necessità di migrare mentre si sviluppava tutto il macchinario conforme ai dispositivi di controllo ed espulsione dei migranti che risulta essere tanto redditizio per l’Europa.

Capitalismo e patriarcato razziale: l’orrore nei campi di Huelva

Dobbiamo comprendere la forma attraverso cui alcuni lavori si razzializzano e si genderizzano. Le donne marocchine fanno il lavoro che la popolazione bianca spagnola non vuole fare. Sono loro che raccolgono le fragole, non gli uomini, dal momento che l’immaginario coloniale spagnolo ci ha costruito come esseri sottomessi e obbedienti. È necessario tenere conto che, per questi lavori, si assumano principalmente donne che non hanno ricevuto un’educazione formale, provenienti dalle aree rurali e impoverite, donne con meno di 45 anni che lasciano figli/e minori in Marocco. Questa è la cruda realtà. Tutto questo per poterle sottomettere, sfruttarle e abusarne con maggior facilità e assicurarsi che non fuggano quando le rimandano indietro. Ma non è tutto. Cosa sta veramente succedendo a Heulva? Teresa Palomo, fotogiornalista che si è trasferita nella provincia di Huelva, racconta delle condizioni nelle quali le donne marocchine lavorano, da anni, nei campi andalusi. Molte di queste donne non conoscono nemmeno il nome dell’azienda che le ingaggia e nemmeno come formalizzare un reclamo. Non si permette che lavoratrici sociali o attivistx entrino nelle aziende agricole e se, per casualità, una di queste lavoratrici riesce a mettersi in contatto con questx, succede quanto segue. I capisquadra godono del favore di alcune delle donne – le più anziane nelle campagne stagionali – che sono usate come “spie”. Quando i rappresentati politici, per esempio, stanno per scoprire quello che sta succedendo, queste “spie”, alleate dei capisquadra, sono utilizzate per negare tutte le denunce e confermare la posizione degli imprenditori. Se questi scoprono che esiste la possibilità di una denuncia pubblica, i proprietari delle imprese puniscono le responsabili. Come? Con una o due settimane senza lavoro e raccolta, o inviandole direttamente indietro in Marocco. Inoltre sono da aggiungere le difficoltà linguistiche. La stragrande maggioranza di loro non legge lo spagnolo, quindi avrebbero anche bisogno di interpreti per formalizzare i reclami. Molte delle donne che sono arrivate a Huelga hanno dovuto fare un enorme investimento per pagare i propri visti e viaggiare anche se, secondo gli accordi, i viaggi dovrebbero essere pagati dalle imprese. In tanti casi, non arrivano nemmeno a guadagnare soldi sufficienti per recuperare tali spese, dal momento che in nessun momento è garantito che lavoreranno per i tre mesi che dura la stagione. Inoltre, devono pagare il loro mantenimento e in alcuni casi anche pagare l’affitto della casa. Nella busta paga che hanno firmato non viene pagato quanto stipulato per il lavoro per il quale furono contattate. I capisquadra le assicurano che il resto sarà inviato loro quando torneranno in Marocco, però si tratta di accordi sulla parola che non compaiono in nessuno dei documenti legali. In molte occasioni, il denaro che manca, senza alcun consenso, è usato per pagare il prezzo del viaggio di ritorno. A causa del fatto che la maggior parte delle donne non sa leggere è impossibile per loro rendersi conto di essere state ingannate. Molte di loro non sono a conoscenza di quanto debbano riscuotere, quindi vengono pagate meno o direttamente vengono derubate senza alcun lamento. Teresa riferisce che in caso di malattia o di qualsiasi disturbo non vengono portate dal medico. Se non sanno come muoversi o non hanno alcuna persona che le aiuta, la situazione diventa dura, e se fanno domande, le puniscono non facendole lavorare. Inoltre, vivono in cortijos o baracche che sono a chilometri di distanza dal centro urbano, mal collegate, così che se devono comprare da mangiare o andare dal medico debbono camminare per delle ore. Il numero degli aborti in questa zona è estremamente alto, specialmente tra le donne migranti. Gli abusi sessuali e gli stupri sono costanti e rimangono impuniti nelle aziende che si perdono in mezzo ai campi. In effetti a molte delle lavoratrici succede quanto segue. Quando arrivano in Spagna, i capisquadra prendono i loro passaporti fino a quando non vengono espulse in Marocco. Per restituire i passaporti, i capisquadra chiedono enormi somme di denaro o favori sessuali. Il visto delle lavoratrici dura fino alla fine della stagione. Tuttavia, a causa delle denunce pubbliche, i capisquadra hanno deciso che la stagione è finita. Il fine è di rimandarle tutte in Marocco, anche se i campi sono pieni di fragole. Ad Almonte, dove lavorano le donne che hanno cominciato a denunciare – il giorno 16 del mese di Ramadan – non è rimasta nessuna donna, sono state tutte rimpatriate in Marocco.

L’eredità coloniale e la raccolta della fragola

Non si tratta di un tema astratto. Solo la comprensione della maniera in cui razza, classe e genere si intrecciano nell’ordine coloniale moderno ci aiuterà a capire le violenze strutturali che si verificano nei campi andalusi, esercitate dallo Stato e dalle sue istituzioni. Quando le donne marocchine si trasferiscono (o vengono trasferite) dal Marocco alla Spagna sono ancora intrappolate, bloccate in queste relazioni coloniali di dominazione. Pertanto, è sufficiente denunciare l’impresa Doñana 1998 o i membri de la Manada diventati capisquadra delle piantagioni? No, non lo è. È sufficiente denunciare gli abusi sessuali e le violazioni degli accordi? No, non lo è. È necessario sottolineare cosa si intende per “razzismo, sessismo, pratiche del capitalismo razziale e imperialista dello Stato in quanto gerarchie collegate tra loro (come abbiamo già detto prima)”. L’eredità coloniale spagnola non può essere compresa senza tener conto della realtà del prelievo economico praticato da secoli dalle imprese spagnole in Marocco per sfruttare le materie prime e arricchire le casse della potenza straniera. Attualmente, oltre a quanto detto, si estraggono persone, attraverso diverse strategie, per fare i lavori che gli/le spagnolx non sono disposti a fare. I territori dello Stato spagnolo sono teatro di molteplici crociate contro “il moro” e, anche, sono gli incaricati del controllo dei confini dell’Europa. La legge sull’immigrazione è stata creata in modo che lo Stato spagnolo potesse disporre dei corpi delle popolazioni delle ex colonie mentre si riservava il diritto a disporre di loro quando non fossero più necessari, un obiettivo che è stato raggiunto. La cosiddetta legge sugli stranieri è stata promulgata, tra gli altri motivi, per “stranierizzare” la popolazione marocchina delle attuali colonie africane spagnole, Ceuta e Melilla, obbligandole a sottomettersi a un processo di “regolarizzazione o espulsione”. È attraverso questa legge che si inizia a costruire la categoria del migrante lavoratore (sempre) stagionale. Che le esperienze dei/delle morx sotto questa legge razzista e coloniale non abbiano alcun impatto mediatico e discorsivo, ha a che fare, appunto, con la forma specifica di razzismo che colpisce la popolazione marocchina. Non possiamo capire la situazione dei/delle lavoratrici stagionali marocchine a Huelva senza prestare attenzione alle relazioni di potere che sono state inaugurate con il colonialismo. Queste relazioni di potere continuano oggi e, soprattutto, attraverso i processi di disumanizzazione vissuti dalle persone provenienti dai territori colonizzati, adesso convertiti in “territori di origine migratoria”. Lo ripetiamo perché sembra che non sia stato ancora ben assunto: è il sistema razzista, sessista e coloniale che converte le donne marocchine lavoratrici stagionali a Huelva in soggetti superflui che possono essere sfruttate, lavorativamente e sessualmente. Il discorso coloniale sulle donne marocchine, che le costringe a essere sottomesse, oppresse e prive di mezzi politici, è diventato ancora più sofisticato nel tempo. Durante l’epoca coloniale, le storie di viaggiatori, antropologi e cronisti coloniali hanno costruito impunemente “la donna marocchina”. Attualmente, in un mondo globalizzato che continua a produrre gli stessi discorsi e schemi, sono necessari dispositivi di controllo più sofisticati. Questa immagine cade a pezzi nel momento in cui noi diventiamo carne in questi territori e soprattutto quando diventiamo una voce. Pertanto, bisognava disegnare nuove e migliori forme per renderci invisibili e renderci mute. La forma più efficace per realizzare ciò fu la Legge sull’emigrazione, dispositivo disumanizzante, razzista e patriarcale. Da una parte si vieta alle donne marocchine emigrate nello stato spagnolo, attraverso il ricongiungimento familiare di lavorare, relegandole così ad un ruolo eterno di cura non retribuita. Così allo stesso tempo l’unica maniera che permette a una donna marocchina di lavorare è nell’ambito domestico. Ossia, occupando sempre lo stesso ruolo di cura, questa volta pagato, ma senza alcun diritto. Infine, ci sono le lavoratrici dei campi di Huelva, che hanno un permesso di lavoro. Di fatto la sola cosa che possiedono. Le ONG della zona, come Cruz Roja o Cepaim, sostengono di non avere prove di quello che sta accadendo. È importante notare che nessuna delle due è presente nei campi e cortijos in cui lavorano e vivono le donne per provare le denunce. Non avere la prova di un segreto di Pulcinella significa solo che si è complici. Non chiederemo a queste istituzioni una radicalità antirazzista che non fa parte, né mai farà parte, dei loro programmi. Però, se sono interessate a occuparsi dell’assistenza primaria, bisogna dire che, nel caso della situazione delle lavoratrici migranti nel campi andalusi, stanno evitando di occuparsi di questo compito in maniera allarmante. Dall’altra parte, vengono prodotte delle narrazioni e strategie femministe che non sono capaci di percepire la loro bianchezza e superare i limiti insiti nelle loro denunce e analisi ben intenzionate. Ignorare costantemente le questioni razziali e coloniali ha un prezzo che va ben oltre la teoria. Queste strategie non sono sufficienti e, quando queste omissioni si ripetono, diventano complici del capitalismo razziale e del patriarcato, oltre che dell’imperialismo. Questo è il motivo per cui è così necessario e urgente fare appello alle femministe, in modo che possano distaccarsi dalle loro esperienze particolari e locali, al fine di unirsi alla lotta delle donne marocchine senza imporre delle letture e strategie che lungi dall’aiutarle a liberarle finiscono per legittimare e radicare la violenza strutturale che le opprime. Dobbiamo anche allargare l’appello alle organizzazioni che combattono in questo territorio per i diritti umani e chiedere loro lo stesso esercizio di decentramento al fine di sviluppare strumenti efficaci tra tutti.

La donna marocchina esprime dignità e resistenza

I popoli marocchini manifestano resistenza e dignità. Il Rif, Yerada e il boicottaggio di Danone, Sidi Ali e Afriquia lo stanno ricordando. Le donne marocchine esprimono resistenza e dignità. Noi lo sappiamo, le nostre nonne e le nostre madri ce l’hanno insegnato. Le stagionali della fragola di Heulva ce lo stanno ricordando. Per noi, le denunce e le proteste a Huelva fanno parte di un momento politico della popolazione marocchina che non sta avendo l’attenzione che merita e che non è riducibile alla retorica che tiene come unico soggetto politico la classe operaia e “le donne”. Questo momento politico ci porta a farci illusioni con il risveglio di una consapevolezza che non è altro che quella che motivò Abdel Krim contro il colonialismo spagnolo. Le donne marocchine che oggi protestano contro il potere coloniale e razzista spagnolo sono mosse dallo stesso spirito di dignità. Quando ci uniremo ai/alle marocchinx della diaspora in Spagna? E le/gli altrx? Non dimentichiamo le centinaia di uomini razzializzati, soprattutto mori e neri, che lavorano nella stessa situazione e ricevono le stesse violenze nelle serre andaluse. Fratelli, anche a voi crediamo.

Tradotto da: https://www.elsaltodiario.com/explotacion-laboral/las-moras-de-la-fresa-contra-el-racismo-y-el-sexismo

Contestazione sociale in Marocco: Muhammad VI ha un piano?

di Reda Zaireg

tratto da http://www.middleeasteye.net/fr/opinions/contestation-sociale-au-maroc-mohammed-vi-t-il-un-plan-1120186610

Da qualche settimana, un vasto movimento di boicottaggio mobilita le/i marocchini che vi partecipano con un entusiasmo a cui il re risponde con altrettanta inerzia.

Il boicottaggio è diretto contro tre marche: il latte della Centrale del latte, una compagnia posseduta principalmente da Danone, l’acqua minerale Sidi Ali, proprietà di Miriem Bensalah Chaqroun, presidente del patronato marocchino, e i distributori di benzina Afriquia, che appartengono a Aziz Akhnnouch, miliardario marocchino alla testa dell’ Unione nazionale degli indipendenti (RNI). Giustificata, secondo chi ha cominciato la campagna, dai prezzi elevati del latte, dell’acqua minerale e della benzina, questa campagna di boicottaggio ha preso le sembianze di un Hirak (movimento popolare del Rif N.d.T) virtuale contro il caro vita. Le risposte del governo marocchino, che ha cercato di minimizzarlo e screditarlo prima di rassegnarsi a prendere la cosa seriamente, hanno contribuito ad accrescere il risentimento e a dargli una piega di sfida della società contro lo Stato. Il discorso che ha portato al boicottaggio ha segnato in maniera duratura il suo orientamento: politicizzato ai margini, ha raggruppato istanze diverse – diminuzione del prezzo dei prodotti, miglioramento del livello di vita – portando a galla una frattura sociale. Man mano che il boicottaggio conquista terreno, le aspettative delle/dei boicottatori si accresce. Le risposte delle imprese prese di mira, che hanno moltiplicato le pubblicità, le promozioni e i comunicati, hanno contribuito ad aumentarlo piuttosto che frenarlo. Una delle cause di questo fallimento sta nel fatto che il boicottaggio si è in qualche modo profondamente politicizzato: non oppone solo tre imprese private ai loro consumatori, ma anche lo Stato ai suoi cittadini. Le cause di questo slittamento sono da ricercare sia nel discorso portato avanti da alcune imprese prese di mira – il direttore degli acquisti della Centrale del latte è giunto fino ad affermare che “boicottare questi prodotti è un tradimento della patria” – che nell’interessamento del governo, che ha difeso le tre imprese. Il boicottaggio non ha cambiato i bersagli – riguarda sempre le tre imprese – né gli obbiettivi – una diminuzione del prezzo del latte, dell’acqua minerale e del carburante – ma ha mutato la sua natura: a partire dal momento in cui il governo è intervenuto, si è trasformato in un vasto movimento di disobbedienza, il cui motore è l’inquietante rifiuto dello Stato marocchino e l’erosione della fiducia delle/dei cittadini verso le loro istituzioni. Le rivendicazioni dei/delle boicottatrici sono state rigirate, così facendo, verso il governo. Creando una commissione incaricata d’esaminare il caro vita, il governo ha reagito a questa protesta come già fatto precedentemente: mettendo in atto un dispositivo il cui ruolo è essenzialmente fuorviante. Una costante della vita politica marocchina, la proliferazione dei dispositivi – spesso delle commissioni incaricate di esaminare dei problemi urgenti, senza pertanto giungere mai a dei risultati – si è accentuata dopo la nomina di Saadeddine el-Othmani (facente parte del PJD, Fratelli musulmani N.d.T) alla testa del governo. Si tratta di una maniera di esercitare il potere, che consiste nell’ “attesa come maniera di governare” per riprendere la formula del politologo tunisino Hamza Meddeb. Questa maniera di governare passa, come rileva Meddeb, “dalla messa in atto, in maniera prolifica, di dispositivi che, alla fine, non aprono la via a dei veri arbitraggi, ancora meno a nuovi orizzonti o nuove visioni di sviluppo, pur giocando, ossia abusando della retorica del cambiamento e della trasformazione”. “Si tratti di azioni compensatorie, dei meccanismi di presa di tempo, di misure d’urgenza, il rinnovamento senza fine dei dispositivi temporanei” che contribuiscono anche a regolare “la rivendicazione nel limbo decisionale”. Se in Tunisia, questo modo d’agire mette in evidenza la disgiunzione tra urgenza della situazione sociale e priorità politiche, esso rimanda ugualmente, nel caso marocchino, all’incapacità del governo di articolare delle risposte di fondo ai problemi da cui si è implicati. Il Marocco preferisce prendere tempo sperando che l’insoddisfazione si spenga. Poiché la parte fondamentale dei poteri risiede nelle mani del re.

Inerzia del palazzo

Atteso sul terreno delle rivendicazioni legate al caro vita, Muhammad VI reagirà a questo boicottaggio? E’ possibile che egli non si interessi a una problematica che riguarda, in teoria, un governo sottratto di ogni tipo di capacità di soddisfare le domande che gli vengono rivolte. Ma nel caso in cui decidesse di far fronte alle domande provenienti dalle strade, quale risposte potrebbe offrire il re per far cessare la contestazione? “Aspettare la festa del trono (il 30 giugno) per sentirsi dire quello che vi soddisfa mi soddisfa, quello che vi dispiace non piace neanche a me, non è sufficiente”, si legge su una pagina di Facebook che pubblica regolarmente notizie su Muhammad VI. In una frase, due aspetti problematici del comportamento politico del monarca sono posti: il primo è quello dei tempi delle sue risposte. Intervenendo spesso mesi e mesi dopo, secondo un calendario di discorsi politici pronunciati in date fisse, il re fa un doppio uso del tempo politico: come risorsa – si tratta di arrivare allo spegnimento della protesta – e come prerogativa di una superiorità che bisogna costantemente riaffermare – si tratta, insomma, si imporre i tempi della monarchia come tempi di riferimento, e d’attestare la sua preminenza sul tempo sociale. Il contraccolpo di un tale atteggiamento è una bassa reattività verso le domande dal basso. Gli interventi tardivi di Muhammad VI alimentano d’altronde tutta una serie di discorsi, ormai comuni, sul disinteresse di un re lontano dal suo popolo, insensibile al clamore e poco comprensivo delle sue urgenze. Il secondo aspetto fa riferimento all’uso fatto dal re delle rivendicazioni delle strade. Accade spesso che re Muhammad VI si appropri delle domande dal basso e le riformuli in una tonalità più consensuale e meno politicizzata. Quando fornisce delle risposte esse non sono rivolte ai singoli casi: si inseriscono piuttosto in un quadro d’azione più largo, preferibilmente dirette a tuttx marocchinx. Così il re cerca di diluire le rivendicazioni in questo quadro, e colloca le sue azioni non come risposta alle domande dei movimenti sociali, ma in un calendario di riforme che gli è proprio. Quest’ultimo può essere accelerato dalla protesta ma non è ne la conseguenza. Insomma, il re cerca di mostrare che il suo comportamento politico non è ancorato alle pressioni che vengono dal basso. Queste risposte penano ormai a convincere: da una parte, si tratta generalmente di progetti sul lungo termine o che restano non ultimati. Tutto il contrario di una risposta celere che potrebbe calmare la protesta. D’altra parte, queste risposte soffrono delle contraddizioni e delle incoerenze della gestione repressiva dei movimenti sociali: Muhammad VI affronta le domande di chi protesta imprigionando dei manifestanti. Che logica si può trovare in tutto ciò?

Continuazione del hirak

Qualunque siano i calcoli che hanno motivato la repressione del Hirak del Rif e quello di Jerada si sono dimostrati del tutto inefficaci: questi movimenti sociali non si sono spenti con l’arresto dei propri leader. Sono entrati in una fase di latenza e riemergono grazie al boicottaggio. Le loro reti sono, per una larga parte, restate del tutto indenni. Lo stesso dicasi delle disparità che li hanno fatti scoppiare: continuano a esistere. Le reti dei/le hiraks (aderenti al movimento Hirak N.d.T) sono ormai pienamente impegnate per la riuscita del boicottaggi: delle pagine Facebook pro-hirak mobilitano in questo senso, con un discorso persino radicale di cui l’audience – migliaia di condivisione per alcune pubblicazioni – e il livello di adesione che riscontrano devono interrogare Quello che unisce il boycott ai/alle hiraks non si limita alla vicinanza delle rivendicazioni e obiezioni – tra cui una diffidenza verso il campo politico che assegna l’identità stessa dei due movimenti. Il successo di questi movimenti è da percepire come una concatenazione di elementi. Il boicottaggio assicura in qualche modo la continuità delle mobilitazioni precedenti. Attraverso la loro durata e ampiezza, i movimenti sociali del Rif e di Jerada hanno messo in crisi il modello politico, economico e sociale del Marocco. Detto brevemente, hanno proceduto attraverso una produzione graduale di rotture, mettendo a nudo le disfunzioni, gli errori e i problemi nel funzionamento del paese. Il boicottaggio riprende una parte delle domande delle/dei hiraks, integra dei discorsi e delle rivendicazioni eterogenee, riformulati secondo dei denominatori comuni – e dunque suscettibili di suscitare un’adesione di differenti frange di società – che intrecciano uno all’altro. Il boicottaggio pone anche le basi delle mobilitazioni future: un episodio di protesta marca in maniera permanente coloro che vi partecipano. Mettendo insieme dei gruppi sociali atomizzati – alcuni anche poco inclini a impegnarsi in un’azione collettiva – attorno a una rivendicazione comune, il movimento di boicottaggio partecipa sia alla ramificazione (generalizzazione?) di un sentimento di malessere che alla missa in piedi di una esperienza – base : questa esperienza potrebbe costituire l’assise delle mobilitazioni a venire, poiché ha forgiato e posto le basi di un’azione collettiva contro delle diseguaglianze da una grande parte dei cittadini. Si tratta anche di una causa costruita come legittima nello spazio pubblico. Insomma il boicottaggio e le mobilitazioni nel Rif e a Jerada assicurano, attraverso un gioco di risonanze, un’attualizzazione delle domande sociali, una rigenerazione della mobilitazione. Tutto ciò ha creato una dinamica sociale alla quale lo Stato marocchino fino ad ora non ha saputo rispondere.

Liberazione dex detenutx politicx

Un’altra prova di questo fallimento si gioca ormai in date fisse davanti al tribunale di Casablanca. Optando per la repressione, il palazzo ha forse creduto che questa sarebbe stata sufficiente per spegnere la contestazione? A vero dire non ha fatto altro che contribuire a metterla in sordina, favorendo un suo sviluppo sotterraneo. Nel momento in cui il processo dex detenutx del hirak si avvicina alla fine, le speranze delle/degli attivisti del movimento si riducono con il susseguirsi delle udienze, con una regolarità che lascia presagire una fine prossima. Visti i capi d’imputazione, le pene che potrebbero essere pronunciate rischiano di essere molto pesanti. Quale via d’uscita per questa crisi a distanza di un anno da un processo funambolesco? Portato aventi fino alla fine, nessuno uscirà vincente. Lo stato marocchino, impopolare – sempre capace di punire l’azione collettiva sulla base di capi d’accusa sproporzionati e esorbitanti . La giustizia, poco indipendente – anche supponendo che non abbia ricevuto delle istruzioni, sicuro svolgerà il suo compito con eccesso di zelo. La polizia repressiva e impunita – arresti arbitrari, abusi riferiti dax detenutx: tutto è messo nel dimenticatoio. In generale, portato fino alla fine, questo processo mostrerebbe che niente cambia e niente mai può cambiare in Marocco. Una sola fine onorevole si prospetta: la liberazione delle e dei detenuti politici. Nel momento in cui i/le marocchine non esistano più a esprimere il loro malcontento in differenti forme d’azione collettive, e in cui Muhammad VI sembra aver raggiunto un certo grado di impopolarità, graziare i/le detenutx del Hirak aiuterebbe a bassare la collera popolare che sale, e alleggerire l’ambiente teso che regna in Marocco. Ciò potrebbe essere una dimostrazione di fiducia e il punto di partenza per una nuova dinamica di potere.

Ultrà in Tunisia: dietro la passione della curva, un’ode alla resistenza

La morte per annegamento di Omar Abidi il 31 marzo 2018 dopo una partita tra il Club Africain (CA) e l’Olympique di Medenine è stata all’origine di un’ondata di indignazione contro la violenza della polizia che incancrenisce la società tunisina in generale e il football in particolare. Diverse testimonianze di tifosi che hanno assistito alla scena affermano che i poliziotti non hanno voluto ascoltare le suppliche di Omar, il quale avrebbe ripetutamente detto ai poliziotti di non saper nuotare. Uno di questi avrebbe persino risposto “T3alem 3oum” (impara a nuotare). Oltre agli attivisti contro la violenza della polizia, ultrà di differenti squadre  hanno espresso la loro solidarietà ai membri dei North Vandals, di cui Omar era tifoso. Gli ultrà del Club Africain hanno manifestato sabato 20 aprile sull’Avenue Habib Bourguiba per chiedere che venga fatta giustizia.
Un fenomeno dai molteplici aspetti
La nascita del fenomeno ultrà in Tunisia non è chiara. Alcuni affermano che il primo gruppo ultrà sarebbe stato quello degli African Winners, i tifosi del Club Africain, nel 1995. Altri, al contrario, affermano che nessun gruppo ultrà esisteva prima del 2002, anno della creazione degli Ultras L’emkachkines. Pioniere in Africa, il movimento ultrà in Tunisia resta relativamente sconosciuto. I gruppi ultrà sono costituiti di tifosi appassionati, che seguono tutti i match e si spostano con le loro squadre. Sono loro che si occupano dell’ambiente nello stadio fabbricando degli striscioni, cantando, facendo le coreografie e accendendo dei fumogeni. Questa attività richiede un’organizzazione meticolosa. I gruppi sono divisi in settori geografici, ma anche secondo dei compiti precisi. “C’è un’ala che si occupa dell’animazione dello stadio, un’ala militare quando c’è bisogno della violenza e in alto, abbiamo un consiglio di anziani che amministra” ci spiega Jamel (nome inventato), uno dei leader di un gruppo ultrà de l’EST battezzato in omaggio al rivoluzionario messicano Emiliano Zapata. Il riferimento a figure che incarnano la resistenza, almeno agli occhi degli ultrà, sono molto numerose negli striscioni e nei murales. Che Guevara e Gandhi stanno insieme a Saddam Hussein e Yasser Arafat. Allo stesso modo, i tifos, gli enormi striscioni che gli ultrà srotolano sono il frutto di un lavoro logistico molto meticoloso. “Una dakhla (entrata) che dura 10, 15 minuti, corrisponde a dei grafici, dei disegnatori , delle notti bianche e molti soldi e tempo. Il giorno del gran match, si parte alle 6 del mattino per mettere delle corde, e piazzare gli striscioni”, aggiunge il nostro interlocutore. Tutti i tifosi che abbiamo incontrato sono d’accordo su una cosa: il movimento ultrà è un movimento che comprende tutti gli strati della società, nei limiti della non-mixité maschile. Come spiega Jamel: “Da noi puoi trovare l’architetto, l’ingegnere, chi lavora insieme al ragazzo dei quartieri popolari che fa delle rapine per nutrire lui e la sua famiglia. Il figlio di un giudice si ritrova con il figlio di una donna delle pulizie ad accendere un fuoco. Questa è una cosa che la polizia ha difficoltà a capire”. L’universo ultrà è anche diventato una fonte di ispirazione artistica. “ A pensarci bene, dove si trova in Tunisia una così grande energia collettiva, una tale mescolanza sociale?”, dice il rapper  Vipa, uno abituato a frequentale la curva nord tunisina. 
Il gruppo può persino giocare un ruolo sociale anche al di là dei campi di calcio. “Quando vediamo che un nostro fratello non dispone dei mezzi per sposarsi, noi facciamo una colletta per aiutarlo. Una volta uno di noi aveva delle difficoltà a alloggiare la famiglia, gli abbiamo portato del materiale e ci siam messi a costruire la casa”, spiega il leader di un gruppo di ultrà dell’EST. “E’ una vera famiglia, i membri più adulti cercano di esercitare una buona influenza sui giovani che fanno delle grandi fesserie”, aggiunge. 
Il “diritto allo sfogo” violato dalla polizia
Sotto la dittatura o dopo la rivoluzione, gli scontri con la polizia sono ricorrenti. Conosciuti per i graffiti ACAB, i gruppi ultrà hanno sviluppato delle relazioni conflittuali con le forze dell’ordine, specialmente a causa degli innumerevoli divieti che la polizia decreta negli stadi. Tra le ragioni di queste tensioni, c’è quella che uno dei più vecchi militanti ultrà del Club Africain ha chiamato “la migrazione forzata”, ossia lo spostamento di tutte le partite dalla capitale verso lo stadio di Radès. Tuttavia, i tifosi e gli ultrà che noi abbiamo incontrato affermano che le loro relazioni con i poliziotti non sono totalmente manichee: “Ci sono dei buoni poliziotti che tifano per la squadra e lasciano entrare fumogeni, oppure a volte li portano dentro loro stessi”, afferma un altro tifoso della curva della squadra del Bab Jdid. I tifosi dell’Esperance sportive di Tunisi sono più comprensivi. “Quando andiamo allo stadio alle 6 per preparare gli striscioni, noi li vediamo. I loro superiori li lasciano delle ore sotto al caldo aspettando il match, a volte senza acqua o mangiare, non ci stupisce che diventino violenti dopo”. Tuttavia, i tifosi affermano che le violenze della polizia sono volontarie e ricercate. Le strategie dei poliziotti sono conosciute dai tifosi. “ Gasano, portano dei cani negli stadi per farci uscire, lasciano una sola porta aperta, e all’uscita, ci ammucchiano in un furgone della polizia”. Così la curva sud, quella dell’Espérance ha boicottato lo stadio lo scorso 15 febbraio, durante la partita EST- ESS proprio a causa dell’aumento della violenza della polizia. 
Il limite alla vendita dei biglietti, le porte chiuse, il divieto di portare minori allo stadio, sono tutte delle misure che adottate per diminuire la violenza non hanno fatto nient’altro che aumentarla. “Il movimento ultrà è stato sottoposto al divieto dei tifo. Dopo la rivoluzione, i due lunghi periodi di porte chiuse imposte dal ministro degli interni non hanno migliorato nulla”, conferma Farouk Abdou, giornalista sportivo del giornale Lucarne Opposée.  Alcuni ultrà d’altronde fanno un legame esplicito tra l’impegno dei Tunisini nello stato islamico e l’imposizione delle porte chiuse allo stadio: “la maggior parte dei giovani che sono partiti in Siria sono dei figli dello stadio, io ne conosco almeno una dozzina. E’ il risultato di quattro anni di porte chiuse. In questo paese, non abbiamo il diritto a sfogarci, ci viene impedito, mentre è proprio tutto quello che vogliamo: avere, una volta alla settimana, due ore di svago senza che vengano a pestarci” dice un ultrà esperantista. Per il sociologo Oussama Bouyahya i gruppi ultrà “permettono ai giovani di trovarsi un’appartenenza forte”. Abdou aggiunge, “per la generazione degli anni 2000, il gruppo ultrà è come un’oasi che li caccia dall’ozio. In una paese in cui la marginalizzazione della gioventù è stata eretta a sistema, l’appartenenza a un gruppo forte, che sfida il potere, non è senza importanza per dei giovani uomini alla ricerca dell’affermazione di sé. “Noi vogliamo che ci lascino vivi, che ci riconoscano, che lascino entrare i nostri tamburi, i nostri fumogeni, e che ci lascino tranquilli. Il gruppo, allo stadio, ne sarà responsabile”, conclude uno dei leader della curva esperantista”.
Fonte:
 

Prigione di As Suwayda in Siria, detenuti in sciopero della fame

Fonte:

https://www.facebook.com/DetaineesVoice.multilingual/posts/?ref=page_internal&_fb_noscript=1

Per il quarto giorno di fila, i detenuti della prigione centrale di As Suwayda (nell’omonima regione nel sud ovest della Siria) continuano il loro pacifico sciopero dela fame.

Continuano a rifutare il cibo, nonostante i ripetuti tentativi dell’amministrazione penitenziaria, che ora chiede ai detenuti solo attraverso la radio della prigione di riceverlo, senza consegnarlo materialmente.

Un detenuto, stremato dallo sciopero, ha ricevuto le cure mediche necessarie.

L’amministrazione penitenziaria incrementa i controlli nelle varie ali della prigione, tentando di spingere i detenuti a sospendere lo sciopero accusando alcuni di loro di incitare alla protesta e impedire ai loro colleghi di ricevere cibo, che è rifiutato e respinto in massa da tutti.

La ribellione è iniziata la sera di lunedi 23 aprile, quando più di 500 detenuti della prigione centrale di As Suwayda hanno iniziato a protestare dopo le sentenze emesse contro di loro dalla Corte del terrorismo, dai Tribunali sul campo e dal Tribunale militare. I detenuti chiedono la presenza di un comitato giudiziario per riconsiderare i loro casi, si oppongono con forza al trasferimento di coloro che hanno terminato le loro condanne ed al previsto rilascio e consegna di altri a corpi di sicurezza sconosciuti che sarebbe solo il preludio di una sparizione forzata.

Rilasciano i punk cubani, ma…

da https://www.havanatimes.org/sp/?p=132150

Nelle prime ore di questo lunedì [9 aprile 2018], gli otto adolescenti e il minore che erano stati sequestrati arbitrariamente dalle forze di polizia cubane venerdì 6 aprile sono stati finalmente rilasciati.

Nonostante fosse stato annunciato alle famiglie degli arrestati che i ragazzi sarebbero stati condannati ad una pena massima di quattro anni di carcere o gli sarebbe stata inflitta una multa di 2.500 pesos (come è successo in altre occasioni), alla fine è stata consegnata soltanto una “Lettera di Avvertimento” ad ognuno dei ragazzi.

Questo è il tipico modus operandi della polizia cubana, che troppo spesso non offre informazioni attendibili sui luoghi in cui si trovano i detenuti, né rivela le vere accuse o motivazioni per l’arresto.

Nel caso dei punk, si aggiunge la discriminazione delle istituzioni verso quel gruppo sociale.

Quasi non hanno permesso le visite agli adolescenti. Dopo che i genitori dei ragazzi hanno scoperto da soli dove le loro figlie e i loro figli fossero ingiustamente trattenuti dietro le sbarre, le guardie hanno dato loro solo 5 minuti per vederli e fargli mangiare quello che gli avevano portato. Molti non sono riusciti a finire il cibo, in così poco tempo.

Ovviamente non credo che la polizia sia preposta per far rispettare la legge. È da molti anni ormai che abbondano gli esempi di come proprio queste forze repressive abbiano violato le leggi in vigore, ignorandone la forma, mentre si applicano in maniera indiscriminata punizioni ingiuste, a volte obbedendo a giudizi e pregiudizi personali.

In questo caso, i punk in questione dovranno opporsi legalmente alla “Lettera di Avvertimento” che sono stati costretti a firmare, perché è proprio il tipo di precedente penale che viene usato per giustificare future vessazioni contro questi gruppi di adolescenti, contro chi è critico e radicale.

La violazione del giusto processo è la norma nelle istituzioni cubane, e le principali vittime sono i reietti della società: punk, persone che subiscono discriminazioni razziali, gay, trans, “diversi”, dissidenti politici, anarchici, difensori dei diritti umani, insomma chiunque la cui semplice esistenza metta in discussione l’immagine idilliaca di una società che in realtà è molto retrograda.

So che alcune persone a Cuba preferirebbero che questo evento rimanesse un semplice aneddoto isolato, e che non si facessero generalizzazioni di questo tipo nei confronti delle istituzioni. Questo è il modo in cui anche molti attivisti preferiscono “giocare con la catena, ma non con la scimmia”.

Ma è nostra responsabilità civica segnalare lo stato di corruzione in cui si trovano le istituzioni cubane, l’arbitrarietà che muove le decisioni di tutti i tipi e a tutti i livelli, dal momento che la corruzione purtroppo alla fine si riflette sulle nostre famiglie, sui nostri quartieri.

Quindi dobbiamo sopportare quei rapporti economici della TV nazionale che accusano l’indisciplina sociale (e anche “popolare”), ignorando olimpicamente che il principale violatore delle sue regole è lo Stato stesso, ed è dallo Stato che le persone prendono esempio.

Isbel Díaz Torres

L’anti-imperialismo degli idioti

di Leila Al Shami

tradotto da https://leilashami.wordpress.com/2018/04/14/the-anti-imperialism-of-idiots/

Ancora una volta il movimento occidentale “contro la guerra” si è svegliato per mobilitarsi in favore della Siria. È la terza volta dal 2011. La prima è stata quando Obama ha ipotizzato di colpire mezzi militari del regime siriano (ma non lo ha fatto) dopo gli attacchi chimici nella regione di Ghouta nel 2013, considerati una “linea rossa”. La seconda volta fu quando Donald Trump ordinò un attacco che colpì una base militare vuota del regime in risposta agli attacchi chimici contro Khan Sheikhoun nel 2017. E oggi, mentre gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia intraprendono azioni militari limitate (attacchi mirati contro mezzi militari del regime e impianti di armi chimiche) a seguito di un attacco con armi chimiche a Douma che ha ucciso almeno 34 persone, tra cui molti bambini che si stavano nascondendo negli scantinati delle case per sottrarsi dai bombardamenti.

La prima cosa da notare rispetto alle tre principali mobilitazioni della sinistra occidentale contro la guerra è che hanno poco a che fare con la fine della guerra. Più di mezzo milione di siriani sono stati uccisi dal 2011. La stragrande maggioranza delle morti di civili è avvenuta attraverso l’uso di armi convenzionali e il 94% di queste vittime sono state uccise dall’alleanza siriano-russo-iraniana. Non vi è alcuno scandalo o preoccupazione simulata per questa guerra, che ha seguito la brutale repressione del regime contro manifestanti pacifici e pro-democrazia. Non c’è indignazione quando barrel bombs (bombe imballate in fusti di grandi dimensioni), armi chimiche e napalm vengono gettati su comunità democraticamente auto-organizzate o hanno come bersaglio ospedali e soccorritori. I civili sono sacrificabili; i mezzi militari di un regime genocida e fascista non lo sono. In realtà lo slogan “Giù le mani dalla Siria” significa “Giù le mani da Assad” e spesso viene espresso sostegno all’intervento militare della Russia. Questo è risultato evidente ieri in una manifestazione organizzata da Stop the War nel Regno Unito, dove un certo numero di bandiere russe e del regime erano vergognosamente esposte.

Questa sinistra che esibisce tendenze profondamente autoritarie, è la stessa che pone gli stati al centro dell’analisi politica. La solidarietà è quindi estesa agli stati (visti come l’attore principale in una lotta per la liberazione) piuttosto che ai gruppi oppressi o svantaggiati in ogni società data, indipendentemente dalla tirannia dello stato. Con una completa cecità di fronte alla guerra sociale che si verifica all’interno della stessa Siria, i siriani (quando esistono) sono visti come una mera pedina in un gioco di scacchi geo-politico. Ripetono il mantra “Assad è il legittimo governante di un paese sovrano”. Assad – che ha ereditato una dittatura da suo padre e non ha mai tenuto, per non dire vinto, un’elezione libera e giusta. Assad – la cui “armata araba siriana” non può che riguadagnare il territorio che ha perso con il sostegno di un guazzabuglio di bombe straniere e mercenari stranieri che stanno combattendo, in generale, ribelli e civili di origine siriana. Quanti avrebbero considerato legittimo il proprio governo eletto se avesse iniziato a condurre campagne di stupri di massa contro i dissidenti? È solo la completa disumanizzazione dei siriani a rendere possibile tale posizione. È un razzismo che vede i siriani incapaci di raggiungere, per non dire meritare, qualcosa di meglio di una delle dittature più brutali del nostro tempo.

Per questa sinistra autoritaria, il sostegno politico è esteso al regime di Assad in nome dell'”anti-imperialismo”. Assad è visto come parte dell'”asse di resistenza” contro l’Impero USA e il Sionismo. Poco importa che lo stesso regime di Assad abbia sostenuto la prima guerra del Golfo, o abbia partecipato al programma di consegna illegale degli Stati Uniti in cui sospetti terroristi sono stati torturati in Siria per conto della CIA. Il fatto che questo regime abbia probabilmente la discutibile caratteristica di massacrare più palestinesi rispetto allo stato israeliano è costantemente sottovalutato, così come il fatto che è più intenzionato a usare le sue forze armate per sopprimere il dissenso interno che a liberare il Golan occupato da Israele.

Questo “anti-imperialismo” degli idioti è quello che identifica l’imperialismo con le sole azioni degli Stati Uniti. Sembrano inconsapevoli che gli Stati Uniti hanno bombardato la Siria dal 2014. Nella campagna per liberare Raqqa dal Daesh sono state messe da parte tutte le norme internazionali di guerra e le considerazioni di proporzionalità. Oltre 1.000 civili sono stati uccisi e l’ONU stima che l’80% della città sia ormai inabitabile. Non ci sono state manifestazioni di protesta organizzate da organizzazioni ‘anti-guerra’ contro questo intervento, nessuna chiamata per garantire che i civili e le infrastrutture civili fossero protetti. Invece hanno adottato la narrazione tipica della ‘Guerra al terrore’, una volta riservata ai neo-con, ora propinata dal regime, che tutti gli oppositori di Assad sono terroristi jihadisti. Hanno chiuso un occhio su Assad che riempiva il suo gulag di migliaia di dimostranti laici, pacifici e pro-democrazia per uccidere e torturare, mentre rilasciava militanti islamici dalle prigioni. Allo stesso modo, le continue proteste tenute in aree liberate in opposizione a gruppi estremisti e autoritari come Daesh, Nusra e Ahrar Al Sham sono state ignorate. I siriani non sono visti come in possesso della necessaria raffinatezza di pensiero per avere una vasta gamma di punti di vista. Gli attivisti della società civile (tra cui molte donne straordinarie), i giornalisti d’inchiesta, gli operatori umanitari sono irrilevanti. L’intera opposizione è ridotta ai suoi elementi più autoritari o vista come un semplice strumento degli interessi stranieri.

Questa sinistra filo-fascista sembra cieca di fronte a qualsiasi forma di imperialismo di origine non occidentale. Combina la politica dell’identità con l’egoismo. Tutto ciò che accade è letto attraverso l’ottica di ciò che significa per gli occidentali – solo i bianchi hanno il potere di fare la storia. Secondo il Pentagono attualmente ci sono circa 2000 soldati delle truppe americane in Siria. Gli Stati Uniti hanno stabilito un numero di basi militari nel nord controllato dai curdi per la prima volta nella storia della Siria. Ciò dovrebbe riguardare chiunque sostenga l’autodeterminazione siriana, eppure questo fatto impallidisce rispetto alle decine di migliaia di truppe iraniane e alle milizie sciite sostenute dall’Iran che ora occupano vaste zone del paese, o ai bombardamenti assassini compiuti dall’aviazione russa in sostegno della dittatura fascista. La Russia ha ora stabilito basi militari permanenti nel paese e ha ricevuto diritti esclusivi sul petrolio e sul gas della Siria come ricompensa per il suo sostegno. Noam Chomsky una volta sosteneva che l’intervento della Russia non poteva essere considerato imperialismo perché la Russia è stata invitata a bombardare il paese dal regime siriano. Con questa analisi, nemmeno l’intervento degli Stati Uniti in Vietnam fu un atto di imperialismo, visto che fu richiesto dal governo sud-vietnamita.

Un certo numero di organizzazioni contro la guerra hanno giustificato il loro silenzio sugli interventi russi e iraniani sostenendo che “il nemico principale è a casa”. Ciò li esonera dall’effettuare qualsiasi seria analisi del potere per determinare chi siano realmente gli attori principali alla guida della guerra. Per i siriani il principale nemico è davvero a casa – è Assad che si sta impegnando in quello che l’Onu ha definito “il crimine di sterminio”. Senza essere consapevoli delle proprie contraddizioni, molte delle stesse voci si sono opposte (giustamente) all’attuale assalto israeliano ai manifestanti pacifici di Gaza. Uno dei modi principali con cui l’imperialismo funziona è negare le voci dei nativi. In questo spirito, le principali organizzazioni pacifiste occidentali tengono conferenze sulla Siria senza invitare alcun oratore siriano.

L’altra grande tendenza politica che ha messo il proprio peso a favore del regime di Assad e si è organizzata contro gli attacchi di Stati Uniti, Regno Unito e Francia sulla Siria è l’estrema destra. Oggi il discorso dei fascisti e di questi “partigiani antimperialisti” è praticamente indistinguibile. Negli Stati Uniti, il suprematista bianco Richard Spencer, il podcaster Mike Enoch e l’attivista anti-immigrazione Ann Coulter sono tutti contrari agli attacchi statunitensi. Nel Regno Unito, l’ex leader del BNP Nick Griffin e l’islamofoba Katie Hopkins si uniscono alle proteste. Il luogo in cui convergono frequentemente l’estrema destra e l’estrema sinistra è la promozione di varie teorie cospirative per assolvere il regime dai suoi crimini. Sostengono che i massacri chimici sono operazioni di servizi segreti sotto falso nome o che i soccorritori sono di al-Qaeda e quindi obiettivi legittimi per l’attacco. Coloro che diffondono tali teorie non sono sul terreno in Siria e non sono in grado di verificare in modo indipendente le loro affermazioni. Spesso dipendono dalla propaganda statale russa o di Assad perché “non si fidano degli MSM” o dei siriani direttamente colpiti. A volte la convergenza di questi due spezzoni apparentemente opposti dello spettro politico si trasforma in vera e propria collaborazione. La coalizione di ANSWER, che sta organizzando molte delle manifestazioni contro un attacco ad Assad negli Stati Uniti, ha una tale storia. Entrambi i filoni spesso promuovono narrazioni islamofobiche e antisemite. Entrambi condividono gli stessi punti di discussione e lo stesso immaginario.

Ci sono molte valide ragioni per opporsi all’intervento militare estero in Siria, che si tratti di Stati Uniti, Russia, Iran o Turchia. Nessuno di questi stati agisce nell’interesse del popolo siriano, della democrazia o dei diritti umani. Agiscono unicamente nei loro interessi. L’intervento di Stati Uniti, Regno Unito e Francia oggi riguarda meno la protezione dei siriani dalle atrocità di massa e più l’applicare una norma internazionale secondo cui l’uso di armi chimiche sia inaccettabile, per paura che un giorno vengano usate sugli stessi occidentali. Più bombe straniere non porteranno pace e stabilità. C’è poco interesse nello spodestare Assad dal potere, cosa che contribuirebbe a porre fine alla peggiore delle atrocità. Tuttavia, opponendosi all’intervento straniero, è necessario trovare un’alternativa per proteggere i siriani dal massacro. È moralmente discutibile dire, ad esempio, che i siriani devono semplicemente starsene zitti e morire per proteggere il principio più alto dell ‘”anti-imperialismo”. Molte alternative all’intervento militare straniero sono state proposte di tanto in tanto dai siriani e sono state ignorate. E così rimane la domanda, quando le opzioni diplomatiche hanno fallito, quando un regime genocida è protetto dalla censura dai potenti sostenitori internazionali, quando non si fanno progressi nel fermare i bombardamenti quotidiani, per porre fine all’assassinio per fame o liberare prigionieri torturati su scala industriale, cosa si può fare?

Non ho più una risposta. Mi sono sempre opposta a tutti gli interventi militari stranieri in Siria, ho sostenuto il processo guidato dalla Siria per liberare il paese da un tiranno e processi internazionali radicati negli sforzi per proteggere i civili e i diritti umani e assicurare la responsabilità per tutti gli attori responsabili dei crimini di guerra. Un accordo negoziato è l’unico modo per porre fine a questa guerra – e sembra ancora più distante che mai. Assad (e i suoi sostenitori) sono determinati a contrastare qualsiasi processo di pace, a perseguire una vittoria militare totale e a schiacciare qualsiasi alternativa democratica rimanente. Centinaia di siriani vengono uccisi ogni settimana nei modi più barbari immaginabili. I gruppi estremisti e le ideologie prosperano nel caos provocato dallo stato. I civili continuano a fuggire a migliaia, mentre i processi legali, come la legge 10, vengono implementati per garantire che non torneranno mai più nelle loro case. Il sistema internazionale stesso sta collassando sotto il peso della sua stessa impotenza. Le parole “Mai più” suonano vuote. Non c’è movimento rilevante che sia solidale con le vittime. Sono invece calunniati, la loro sofferenza viene derisa o negata, e le loro voci sono assenti dalle discussioni o interrogate da persone lontane, che non sanno nulla della Siria, della rivoluzione o della guerra, e che credono con arroganza di sapere cosa sia meglio. È questa situazione disperata che induce molti siriani ad accogliere l’azione degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia e che ora vedono l’intervento straniero come la loro unica speranza, nonostante i rischi che sanno che esso comporti.

Una cosa è certa: non perderò il sonno per gli attacchi mirati rivolti alle basi militari del regime e agli impianti di armi chimiche, attacchi che potrebbero fornire ai siriani una breve pausa dall’assassinio quotidiano. E non vedrò mai persone che fanno tanti bei discorsi sulle vite altrui, che sostengono regimi brutali in paesi lontani, o che vendono razzismo, teorie cospirative e negazione delle atrocità, come alleati.

Opinione di un popolo che ha deciso di rompere con il chavomadurismo

Fonte: https://www.lascomadrespurpuras.com/single-post/2018/02/26/Salud-y-Libertad

Nella ricerca di un sentiero che molte e molti hanno tracciato. In questo momento in cui ciò che riempie i cuori è un piccolo nodo legato ai messaggi del passato, dedichiamo questo editoriale alle compagne e ai compagni di lotta che pensano che alcune di noi abbiano perso la testa per aver dichiarato di essere al di fuori del chavismo “realmente esistente”, per trovarci con coloro che stanno costruendo nuovi percorsi dell’autonomia del pensiero e dell’azione, non solamente teorici.

Intendiamo l’autonomia come la capacità di un soggetto collettivo (lavoratrici, lavoratori, movimenti delle donne, movimenti di genere, studenti, artisti, piccole comunità, popoli indigeni, contadine, contadini, ecc.) di svilupparsi integralmente, organizzarsi e governarsi per conto proprio, dal basso e sotto la propria direzione politica. La pratica autonoma rappresenta la dissoluzione del politico nel sociale, cioè non separa il potere politico dalla società (come accade nelle istituzioni statali), ma costruisce questo potere dalla stessa rete di relazioni e incontri dei soggetti collettivi.

Siamo “las comadres purpuras”, (le comari viola) nasciamo come iniziativa di varie voci critiche che vogliono aggiungere colori vivaci da e nella politica femminista. Una politica che non cerca i regali del governo, poiché questo è un meccanismo che è stato usato molto bene per mettere a tacere i grandi abusi che viviamo giorno dopo giorno e per rendere obbedienti le soggettività…perché: “uno non morde la mano di quelli che lo nutrono”. Abbiamo visto con tristezza e indignazione come i pochi movimenti integrati abbiano etichettato le espressioni politiche dissenzienti come “squallide”, con un aggettivo dispregiativo tipicamente usato dal governo. Il discorso consolidato di detestare ciò che era ed è diverso, mentre in un primo momento era solo uno modo per distanziarsi dai partiti di opposizione tradizionale, è diventato sempre di più un atteggiamento autoritario e repressivo, senza possibilità di discutere sulla questione dei diritti umani, di mettere in discussione quello che si pensa, rasentando così l’assurdo di non lasciar più denunciare i soprusi, gridare e persino rischiare la pelle per cambiare le condizioni di questa struttura oppressiva che è stata costruita per schiacciarci.

Nei vari gruppi politici sono presenti diverse sfumature e anche la nostra pratica ne è un esempio. Nel nostro seno confluiscono molteplici voci, che si uniscono nell’obiettivo di creare un fronte controculturale che contrasti i tanti soprusi. Prima di definirci “chaviste” o meno, ci dichiariamo femministe, sorelle, autonome, di sinistra e libertarie. Il Chavismo è stato un movimento interessante, con un potenziale enorme, ma non è riuscito a mantenersi autonomo come movimento ed è stato inghiottito dalle istituzioni, dal più corrotto dei poteri costituiti. Di fatto, l’identità del Chavismo si è costituita sull’immagine di un personaggio che, per quanto possiamo aver stimato, non era solo un leader popolare, ma era anche un Capo di Stato, un politico “di quelli di sopra”, un Comandante in Capo. La figura di Chavez è emersa attraverso un percorso politico statalista, non è poi inutile ricordare l’ovvia considerazione che il Chavismo sia un movimento personalistico basato appunto su una sola persona (Chávez) che ha fatto contare più le sue decisioni individuali piuttosto che l’identità politica del movimento. Ecco perché è così difficile per il Chavismo distaccarsi da un governo mafioso e autoritario come quello di Nicolás Maduro, perché più di quello che contraddice i nostri principi politici, si tratta comunque dell’eredità di Chavez. Questo problema da sempre presente nella tradizione del Chavismo lo rende oggi un ostacolo allo sviluppo di un movimento popolare autonomo. Anche per fare soltanto una manifestazione bisogna aspettare che il PSUV dica quando e dove: in questo senso, non condividiamo e concordiamo con una pratica politica che blocca, invisibilizza, silenzia e alla fine sostituisce i movimenti sociali.

Il Chavismo considerò sempre se stesso come un movimento politico espressione di solidarietà con gli ultimi e di contestazione del potere, ma gradualmente fu assorbito e digerito dal potere nell’ottica di una restaurazione e una ristrutturazione dei poteri statali ed economici. Per quanto audace e innovatore si auto-rappresenti il Chavismo, è difficile separare questa sua caratteristica dalla successiva istituzionalizzazione, dall’attaccamento affettivo e dalla lealtà pretesa verso la figura del Presidente, ovvero dove l’autonomia del movimento si è spenta e l’efficacia è diventata nulla. Le vertenze di lotta invecchiano nei tentativi stantii di incontri con qualche vice ministro o nell’attesa di urgenti telefonate in arrivo dall’ “alto governo”, continuando a insistere nell’inutile speranza dell’esplosione di “contraddizioni interne” al potere, in cambi di rotta che ormai non fanno presa più su nessuno. Così hanno finito col creare una bella espressione politica: “la comare è diventata banale”.

Molte di noi sono cresciute nelle azioni di ribellione di strada portate avanti dai movimenti popolari di quel tempo, non c’era nessun “paco” da attaccare senza pensarci due volte.

Ora ci voltiamo indietro e scopriamo che sia la sfera governativa che il Chavismo difendono e giustificano la violenza di stato e il rafforzamento repressivo delle forze di sicurezza. Questo movimento è stato un osservatore passivo e amichevole della costituzione dei peggiori nuclei di Comandos de Operaciones Especiales a partire dall’anno 2013 in poi. Oltre ad aver approvato una legge antiterroristica (2012) e la nuova legge contro l’odio (2017), attraverso cui imprigionare coloro che denunciano semplicemente l’enorme crisi che viviamo. Senza dubitare per un momento, ben sapendo che con queste procedure qualsiasi espressione di malcontento popolare sarebbe stata contrastata e resa minima. C’è stato un silenzio assoluto, pur essendo noto il numero di persone innocenti assassinate brutalmente dallo Stato in ogni Operazione di Liberazione del Popolo (OLP) o che ora affrontano la terribile repressione delle marce dei lavoratori. Hanno finito per dimostrare ciò che il Chavismo respinse così tanto agli inizi: è diventato un apparato repressivo nemico della protesta popolare.

Nessuno vuole abbandonare la “nave del socialismo del XXI secolo”, però va bene, noi li aspettiamo su un’isola, sicuramente non si comincia da zero, anche se fa male. Però preferiamo che faccia male piuttosto che silenziare tanto autoritarismo, portatore di quelle misure conservatrici e puritane che regolano nella maniera più sinistra la condizione di quelle e di quelli che abitano questo territorio chiamato Venezuela.

Il movimento popolare radicato nell’identità chavista continua a difendersi nei piccoli ma utopici spazi dove ha potuto mantenere una sua autonomia. Casi come quello della “Comuna el Maizal” diventano rappresentativi di una tensione che non sopporta più. Crediamo di dover ricostruire le nostre identità più profonde per poter uscire con una strategia coerente con noi stessx, al fine di superare la tensione che sta per esplodere.

Dalla più ampia diversità di identità nella storia del movimento popolare, ma anche dalla più forte autonomia, che non è negoziabile, come femministe non sponsorizziamo la guerra creata da uomini che giocano al potere e in linea con il loro gioco fanno sì che ci uccidiamo a vicenda. È così che funzionano gli Stati, non partecipiamo al rafforzamento delle strutture che controllano le nostre vite, siamo qui per accompagnare, sostenere e costruire cellule di lavoro politico autonomo. Il nostro seme è dato per questo lavoro e molte di noi continueranno a dare la vita. Se non possiamo vivere di un’utopia che non sia servile, allora meglio morire.

Continueremo per le strade abbattendo le soggettività imperanti
Continueremo a urlare
Non avranno così tante prigioni da riempire con chi le odia

Sull’esperienza dei consigli locali nella rivoluzione siriana

Omar Aziz
“Non valiamo meno dei lavoratori della comune di Parigi … loro hanno retto 70 giorni mentre noi, noi resistiamo da un anno e mezzo”. 
È con queste parole che l’intellettuale organico Omar Aziz ha descritto la rivoluzione siriana. Il 17 febbraio 2013 è morto martire nella prigione centrale di Adra. 
In questo testo, passeremo in rassegna le caratteristiche essenziali dei consigli locali in cui Aziz ha giocato un ruolo influente nella redazione dei testi costitutivi[1]. Verranno indicate le carenze di queste forme di organizzazione, almeno per ciò che concerne la loro applicazione concreta. 
Con l’intensificazione della repressione del regime siriano contro l’esplosione rivoluzionaria in Siria, nella sua fase pacifica, che ha coinciso con la diserzione di molti soldati e l’inizio delle schermaglie tra l’esercito siriano e quello che successivamente sarà conosciuto col nome di “esercito siriano libero”, nacque la necessità di istituire delle forme organizzative che si occupassero della vita delle persone, a partire dal momento in cui il regime non svolgeva nessuno dei suoi compiti basilari, – se n’era già liberato con l’inizio delle “riforme” neoliberali. 
E se i comitati di coordinamento locali erano stati istituiti come forme organizzative per la preparazione, l’appello e la documentazione delle manifestazioni, l’idea dei consigli locali fu concepita come alternativa al regime e alle sue istituzioni. Gli obbiettivi della creazione di questi consigli, secondo Omar Aziz, sono quelli “d’aiutare le persone a gestire la loro vita in maniera indipendente dalle istituzioni dello Stato …, di creare uno spazio di espressione collettivo per stimolare la solidarietà degli individui e farli accedere tramite le attività quotidiane all’azione politica, … fornire sostegno e aiuto agli sfollati e alle famiglie dei prigionieri, …  offrire uno spazio di discussione per deliberare su delle questioni vitali, costruire dei legami orizzontali tra i consigli locali …, difendere il territorio della regione dalle requisizioni dello Stato a favore dei ricchi o degli ufficiali militari e di sicurezza dello Stato …” oltre a documentare le violazioni commesse dal regime e le sue milizie (solo), così come il compito di soccorrere e di coordinarsi con i comitati medici e il sostegno e la coordinazione delle attività educative. 
Ma, a causa “dell’assenza di pratiche elettorali nelle attuali circostanze”, dice ancora Omar Aziz, “i consigli locali sono composti da operatori sociali e persone che godono del pubblico rispetto per le loro competenze (diverse).  La domanda che si pone allora è: “come si può valutare il pubblico rispetto” e quando finiranno “le circostanze attuali”? Malgrado la permanenza delle “circostanze attuali”, delle elezioni sono state organizzate per dei consigli locali a livello municipale, poi è stata formata l’assemblea generale dei consigli locali che comprende i rappresentanti dei consigli locali a livello del governatorato, che culmina con la formazione del consiglio del governatorato, quest’ultimo elegge un ufficio esecutivo e un presidente. Tutti questi consigli sono attaccati al ministero dell’amministrazione locale, dei soccorsi e degli affari dei rifugiati del governo provvisorio[2].  
In pratica, l’attività di questi consigli è rimasta limitata agli affari municipali, vari tipi di servizi, accompagnate (o in competizione?) nello stesso compito da una costellazione di organizzazioni non governative, mentre le fazioni armate rimanevano fuori dal controllo dei consigli locali. Allo stesso tempo il Consiglio nazionale siriano, il Governo ad interim siriano e la Coalizione Nazionale delle forze della rivoluzione e dell’opposizione siriana monopolizzavano il “discorso politico che conta” monopolizzavano “il discorso politico grande”.
È così che il pensiero politico che stava alla base dell’istituzione di questi consigli è stato svuotato di significato. Di fronte al dominio delle armi e del denaro dato a determinate condizioni, il margine di manovra dei consigli è rimasto molto ridotto. È così che è venuta meno la possibilità di costruire un governo alternativo e democratico dal basso che poteva guidare la rivoluzione e parlare a suo nome. Anche se questi consigli erano eletti, la democrazia non si limita alle urne o ai pochi minuti durante i quali si esercita il diritto di voto. Democrazia significa anche la partecipazione della donna a candidarsi e votare[3], una consapevolezza delle problematiche del razzismo e del confessionalismo, la partecipazione di tutte le persone all’autogestione di tutti loro diversi affari, non solo in termini di diritto d’accesso all’alimentazione, la sanità e l’insegnamento, lontano dal controllo dei signori della guerra di tutte le parti. La democrazia implica ugualmente d’operare concretamente per le speranze di migliaia di siriani e siriane che hanno manifestato, sono statx  arrestatx, sono mortx come martiri o sono statx  sfollatx, per la libertà, la dignità e la democrazia. 
I rivoluzionari siriani non sono responsabili di ciò che è accaduto alla rivoluzione. Omar Aziz non si è arrestato da solo, non si è suicidato nel carcere. Fin dall’inizio, han dovuto affrontare un avversario votato alla crudeltà, all’assassinio e allo sfruttamento. Un avversario che non era solo, ma era aiutato da una vasta gamma di paesi dominanti a livello internazionale e regionale, nonché da milizie siriane e non siriane. Allo stesso tempo i rivoluzionari siriani sono stati preda degli stati del Golfo e della Turchia, fino all’intervento “dall’esterno” a favore del regime in carica, direttamente o indirettamente. 
Ci ha insegnato molto l’esperienza incompleta dei consigli locali, con i suoi aspetti positivi e negativi, poiché le lotte dei popoli, o dell’umanità, come le chiama il martire e compagno Omar Aziz, sono legate e interdipendenti. I popoli creano le forme di resistenza e di scontro. Noi dobbiamo lottare a differenti livelli e su diversi fronti e trarre insegnamento dalle esperienze passate e presenti. Non solo dal decesso dei morti che sono molti, ma per la vita. 
Walid Doudou 6 marzo 2017  
 
[1] Il 17 febbraio del 2013 Samy al-Kial ha pubblicato sulla sua pagina di Facebook i fogli di base del pensiero dei consigli locali in Siria scritti dal martire Omar Aziz alla fine del 2011. 
[2] La Coalizione Nazionale siriana delle forze della rivoluzione e dell’opposizione siriana ha pubblicato nel mese di marzo 2014 la piattaforma interna dell’organizzazione dei consigli locali nei governatorati siriani, che è possibile consultare sul sito interno della Coalizione. D’altra parte, il sito elettronico del movimento siriano pacifico ha pubblicato una carta interattiva delle diverse forme del movimento pacifico in Siria, in particolare la distribuzione dei consigli locali. Si tratta di una carta che anderebbe aggiornata a causa degli avvenimenti che hanno riguardato le zone riconquistate dal regime (Daraya e Aleppo) o controllate da Daesh (Raqqa). 
[3] Raza Ghazzawi, “Les femmes et la révolution syrienne”, traduzione dall’arabo di Walid Daou, Al-Manshour, http://al-manshour.org/node/5101

Oltre l’autorappresentazione, mettiamo in gioco i nostri corpi

1. Dopo le elezioni del 4 marzo la situazione politica del paese resta incerta e presenta alcuni aspetti di novità rispetto al passato. Le urne hanno bocciato sonoramente i partiti che hanno governato la crisi negli ultimi anni attraverso l’attuazione delle politiche europee e invece hanno premiato chi si è tenuto (almeno nella retorica) in una posizione contro l’austerity o ha proposto una rottura con Bruxelles. Soprattutto nel mezzogiorno, i Cinque Stelle sono stati riconosciuti da milioni di persone come l’unica alternativa elettorale credibile al fallimento delle politiche del lavoro di Renzi, Confindustria e soci. Quello che resta incerto, pur in un quadro di sostanziale stabilità complessiva del dominio capitalista nel nostro paese, è chi avrà la direzione politica che dovrà guidare l’accumulazione del capitale nei prossimi anni: diversamente da quella che viene spacciata come una presunta “uscita dalla crisi” da destra o da sinistra, si tratta di capire quali saranno gli schieramenti che avranno in mano questo ruolo che sarà giocoforza usato contro le persone sfruttate. Completamente scartata dagli elettori è stata la possibilità di tentare una via di uscita da sinistra: diversamente rispetto ad altri paesi come Inghilterra, Francia, Grecia, Spagna, Portogallo etc., la sinistra cosiddetta radicale è stata giudicata come interna al disastro provocato dalla sinistra liberale e non le si è data nessuna chance di guidare eventualmente un governo che conciliasse (fittiziamente) gli interessi del capitale con quelli di chi è sfruttatx. La stessa esperienza di “Potere al popolo!” raccoglie la metà dei voti della lista di “Rivoluzione Civile” del 2013 e si colloca così nella lunga scia dei tentativi falliti di rianimare il cadavere politico di Rifondazione Comunista.

2. Il fallimento di “Potere al popolo!” (PaP) ci porta dritti alla questione che più ci interessa, ovvero quella della ripresa dei movimenti anticapitalisti e rivoluzionari in questo paese. Il tentativo elettorale di PaP aveva anche il chiaro obiettivo di mettere un cappello e realizzare un’egemonia politica sui movimenti di lotta che si muovono ancora in Italia, un tentativo di ridurre e presentare tutte le lotte e le esperienze antagoniste sotto l’unica regia del centro sociale Ex-Opg di Napoli. Questa struttura politica, forte del sostegno del sindaco De Magistris, ha pensato di allearsi con vari gruppi della sinistra (Rifondazione, Pci, Usb, Sinistra Anticapitalista, Rete dei Comunisti, Eurostop etc.) per riuscire a presentarsi come l’avanguardia delle lotte e dei “centri sociali” e iniziare a costruire il proprio partito. Lo scarso risultato elettorale di PaP non può lasciare quindi in secondo piano la ricaduta politica negativa che avrà comunque questa operazione: la cultura fortemente lavorista e riformista moderata di Ex-Opg (rimarranno agli annali le dichiarazioni a favore della Costituzione) ha portato un deciso arretramento nel dibattito politico delle varie realtà anticapitaliste, e alle persone coinvolte in questo percorso (tante e tanti militanti di base a cui si è lisciato continuamente il pelo per tenerle in futuro legate alla dirigenza dell’Ex-Opg) si è proposta una strada completamente fallimentare. Non c’è nessuno spazio per la sinistra radicale a livello elettorale, ma non c’è nemmeno uno spazio di autorappresentazione delle lotte da usare per portare avanti un politica riformista già ampiamente bocciata dal passato remoto e recente: basti pensare al fallimento di Syriza, un partito arrivato al governo in seguito a una mobilitazione popolare molto forte e con il sostegno di varie esperienze sociali e mutualistiche, che ora gestisce i lager per migranti e le politiche di austerità.

3. In questo scenario piuttosto sconfortante restano varie esperienze importanti e significative che ci danno comunque una prospettiva politica di impegno per i prossimi anni. È certo dura non avere le scorte di entusiasmo di “Potere al popolo!”, ma possiamo far valere almeno la nostra rabbia contro le oppressioni. Ci sono lotte molto dure in questo paese, lotte che hanno visto negli ultimi mesi l’uccisione da parte dello Stato di alcuni nostri compagni e vedono in generale una repressione molto forte: dalle lotte dei/delle migranti ai movimenti femministi, dalle pratiche antifasciste alle lotte sindacali, sono tante le situazioni in cui c’è bisogno di mettere in gioco i nostri corpi. Costruire una presenza rivoluzionaria qui e ora è davvero un’impresa complicata, non solo per la repressione ma anche per la tara politica di una militanza diffusa che crede sia più facile e comodo postare su internet le scene di poche lotte (alle quali magari non si è nemmeno partecipato) per risultare efficaci e poi legittimarsi nei contesti politici più allargati. Così facendo però si aumenta solo il proprio ego ipertrofico (anche detto “entusiasmo”) e si ostacolano di fatto i percorsi di lotta. Abbiamo visto in queste settimane anche compagni e compagne denunciate in seguito alle riprese filmate dei cortei fatte non dalla questura ma da alcuni gruppi che dicono di partecipare ai movimenti. Rompere questo gioco delle identità e della legittimazione dei leaderini di movimento che si fanno pubblicità (magari per poi presentarsi alle elezioni) ci sembra un presupposto decisivo per fare chiarezza, cominciando anche a discutere di cosa significhi “mutualismo” in contesti non conflittuali ma solo utili a quella autorappresentazione così deprimente e dilagante. Spesso le pratiche mutualistiche proposte dai movimenti non sono altro che piccole esperienze di impresa privata, cooperativa o meno, gestita dalla direzione di alcune strutture politiche. Vediamo anche la ripresa dell’idea tipicamente cattolica della sussidiarietà nei confronti dell’intervento statale, oppure il progetto di controllare quello che fanno le istituzioni rispetto ad un loro presunto dovere: si è finiti addirittura per affiancare la polizia o le Asl locali in nome di un presunto decoro e buon funzionamento di istituti repressivi come i centri di accoglienza per migranti. Come scrive il Comitato Invisibile, “Pochi settori hanno sviluppato un amore così fanatico della contabilità,  per cura della legalità, della trasparenza o dell’esemplarità, quanto quello dell’economia sociale e solidale. In confronto qualsiasi PMI è un lupanare contabile. Abbiamo centocinquanta anni d’esperienza di  cooperative per sapere che queste non hanno mai minimamente minacciato il capitalismo. Quelle che sopravvivono finiscono, presto o tardi, per  divenire delle imprese come le altre. Non esiste «un’altra economia», ciò che esiste è un altro rapporto all’economia. Un rapporto di distanza e di ostilità, giustamente” [Estratto da Comité invisible, Maintenant, la Fabrique, Paris 2017, pp.87-107(trad. a cura di quieora international).

4. Essere presenti nelle lotte costa fatica, sacrificio, ci sono poche soddisfazioni e non ci appartiene la cultura religiosa del martirio bensì quella della pratica comune e della gioia. La costruzione di percorsi non identitari e conflittuali deve nascere attraverso pratiche orizzontali e non verticistiche, pratiche che superino quel leaderismo machista che tanti danni ha fatto ai movimenti in questi anni. L’obiettivo che ci prefiggiamo non può essere una mera ricostruzione della “sinistra”, un luogo ideale ormai scomparso dal parlamento così come ripudiato nella società, il nostro percorso deve invece riguardare la ripresa di una conflittualità rivoluzionaria e intersezionale di fronte alle varie oppressioni. Non ci interessa dunque nessuna “uscita dalla crisi” che sia una ricomposizione degli apparati economici e repressivi statali guidata da partiti della sinistra, ma vogliamo anzi far aumentare le contraddizioni mediante la pratica del conflitto, costruendo reti e contatti con una visione internazionale. Insisteremo dunque in questo percorso consapevoli che pur nelle difficoltà troveremo tante altre persone disponibili a intraprendere il nostro stesso cammino.